Ci salverà l’Emilia

aprile 19th, 2011  |  Pubblicato in Articoli

Annuncio di Oreste Giurlani (Uncem): “Bologna pronta a investire. Presto un nuovo tavolo”

Pistoia, 19 aprile 2011

Il salvataggio dai tagli potrebbe passare dall’Emilia-Romagna. Dall’altro versante della Porrettana si sarebbe infatti manifestata l’intenzione di aprire i cordoni della borsa per due arterie di collegamento ferroviario con la Toscana: la Pontremolese e la vecchia «strada ferrata» che attraversa l’Appennino pistoiese. Passato quasi inosservato, l’annuncio è stato dato dal presidente Uncem Oreste Giurlani, nel corso del Consiglio comunale aperto sulla Porrettana.

Reduce da un colloquio con l’assessore regionale ai trasporti Luca Ceccobao, il rappresentante dell’Unione dei Comuni e degli enti montani ha spiegato che presto si formerà un tavolo unico degli Uncem dei due versanti. Un luogo di discussione che non sostituirà il tavolo tecnico già aperto dalla Regione Toscana, ma che secondo Giurlani potrebbe contribuire ad attenuare le conseguenze della riorganizzazione del servizio. Oltre all’intervento del presidente Uncem, il Consiglio comunale di ieri pomeriggio non è servito che a riproporre, attraverso venticinque interventi, le posizioni dei diversi gruppi, dei rappresentanti delle istituzioni locali e dei comitati.

Dopo l’intervento introduttivo dell’assessore comunale ai trasporti Riccardo Pallini, sono stati presentati cinque ordini del giorno (Pdl-Udc, Verdi, Fli, Pd e centrosinistra eccetto l’Idv che ne ha proposto uno proprio), tutti concordi, con sfumature diverse, sulla necessità di rimettere in discussione il piano regionale che ha sostituito gran parte delle corse ferroviarie con un servizio su gomma. Hanno preso la parola, fra gli altri, anche la presidente della Provincia Federica Fratoni, i consiglieri regionali Pd Gianfranco Venturi e Caterina Bini, il capogruppo in Regione della Lega Antonio Gambetta Vianna, il presidente Circoscrizione 3 Silvano Pocci.

Alla fine della discussione, il Consiglio ha approvato un ordine del giorno unitario. “Il Consiglio — vi si legge — chiede alla Regione di rivedere la decisione assunta, attraverso un percorso condiviso con tutti i soggetti interessati (enti, istituzioni, associazioni del territorio toscano ed emiliano), a partire dal ruolo guida della Provincia di Pistoia”. Gli obiettivi sono «”a riconsiderazione delle attuali modalità organizzative del servizio; il mantenimento di un appropriato livello tecnico funzionale dell’infrastruttura ferroviaria Porrettana, con l’auspicio che la Regione Toscana si renda parte attiva nei confronti di Rete Ferroviaria Italiana sino al 2014 e comunque con qualunque affidatario del contratto di servizio risulti dopo tale data; la riconsiderazione dell’organizzazione complessiva del trasporto pubblico nella collina e montagna pistoiese con una forte integrazione tra trasporto su gomma e trasporto su ferro, attraverso la valorizzazione del ruolo di Pracchia come punto di interscambio; il sostegno di tutte le possibili azioni di sviluppo del traffico merci sulla linea”.

 

fonte : La Nazione Pistoia

Scrivi un Commento

Current ye@r *

Commenti recenti

    Calendario

    aprile: 2011
    L M M G V S D
    « mar   mag »
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    252627282930