Unanimità

aprile 21st, 2011  |  Pubblicato in Articoli

Ordine del giorno in difesa della ferrovia Porrettana votato all’unanimità dal Consiglio pistoiese.

Dopo l’intervento introduttivo dell’assessore comunale ai trasporti Riccardo Pallini, sono stati presentati cinque ordini del giorno 
(Pdl-Udc, Verdi, Fli, Pd e centrosinistra eccetto l’Idv che ne ha
proposto uno proprio), tutti concordi, con sfumature diverse, sulla
 necessità di rimettere in discussione il piano regionale che ha
sostituito gran parte delle corse ferroviarie con un servizio su
gomma. Hanno preso la parola, fra gli altri, anche la presidente della
Provincia Federica Fratoni, i consiglieri regionali Pd Gianfranco
 Venturi e Caterina Bini, il capogruppo in Regione della Lega Antonio 
Gambetta Vianna, il presidente Circoscrizione 3 Silvano Pocci. 


Alla fine della discussione, il Consiglio ha approvato un ordine del
 giorno unitario. ” Il Consiglio — vi si legge — chiede alla Regione di
 rivedere la decisione assunta, attraverso un percorso condiviso con 
tutti i soggetti interessati (enti, istituzioni, associazioni del
territorio toscano ed emiliano), a partire dal ruolo guida della
Provincia di Pistoia”. Gli obiettivi sono ‘a riconsiderazione delle
 attuali modalità organizzative del servizio; il mantenimento di un
 appropriato livello tecnico funzionale dell’infrastruttura ferroviaria 
Porrettana, con l’auspicio che la Regione Toscana si renda parte 
attiva nei confronti di Rete Ferroviaria Italiana sino al 2014 e 
comunque con qualunque affidatario del contratto di servizio risulti 
dopo tale data; la riconsiderazione dell’organizzazione complessiva 
del trasporto pubblico nella collina e montagna pistoiese con una 
forte integrazione tra trasporto su gomma e trasporto su ferro, 
attraverso la valorizzazione del ruolo di Pracchia come punto di
 interscambio; il sostegno di tutte le possibili azioni di sviluppo del
 traffico merci sulla linea’.

fonte : La Nazione Pistoia

 

Il consiglio comunale di Pistoia ha approvato un ordine del giorno unitario per il mantenimento, la salvaguardia e la valorizzazione della ferrovia Porrettana, che supera e sintetizza i cinque ordini del giorno presentati.

Il presidente Vettori ha concluso il dibattito esprimendo le sua soddisfazione per l’esito unitario della discussione. Dopo aver ripercorso la decisione della Regione di tagliare alcuni treni sostituendoli con autobus, con tutti i disagi che ne sono seguiti e seguiranno, il consiglio di Pistoia unanime «esprime contrarietà verso la scelta compiuta dalla Regione toscana in riferimento al pesante ridimensionamento (pari al 55%) di un servizio fondamentale per il territorio collinare e montano del Comune di Pistoia e degli altri comuni delle provincia di Pistoia e della Provincia di Bologna, per le problematicità descritte in premessa». Il consiglio pistoiese chiede pertanto alla Regione «di rivedere la decisione assunta, attraverso un percorso condiviso con tutti i soggetti interessati (enti, istituzioni, associazioni del territorio toscano ed emiliano), a partire dal ruolo guida della Provincia di Pistoia, per dar luogo a tutte le iniziative utili al rilancio della Ferrovia Porrettana, attraverso la sottoscrizione in tempi brevi di un protocollo d’intesa che vincoli al raggiungimento dei seguenti obiettivi».  Viene inoltre chiesta una riconsiderazione delle attuali modalità organizzative del servizio, anche sulla base delle proposte che perverranno da enti e associazioni. Il consiglio chiede inoltre una «riconsiderazione dell’organizzazione complessiva del trasporto pubblico sulla montagna con una forte integrazione tra trasporto su gomma e su ferro, attraverso la valorizzazione del ruolo di Pracchia come punto di interscambio tra trasporto su gomma e quello su rotaia e a partire da un maggiore e più frequente collegamento della stazione di Pracchia in primis con la stazione di Pistoia e con servizi diretti con i capoluoghi regionali di Firenze e Bologna».

fonte : Il Tirreno Pistoia

 

 

 

 

 

Scrivi un Commento

Current ye@r *

Commenti recenti

    Calendario

    aprile: 2011
    L M M G V S D
    « mar   mag »
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    252627282930