L’ inferno dei pendolari

febbraio 17th, 2012  |  Pubblicato in News

Tratte cancellate, bagni fatiscenti, carrozze senza riscaldamenti e biglietti aumentati del 12 per cento. Così Ferrovie tradisce lo Stato. Così i disagi dei passeggeri vengono messi nero su bianco da Legambiente che domani mattina, alla stazione Termini di Roma darà ufficialmente inizio alla campagna “Pendolaria” 2011

Tutto messo nero su bianco da Legambiente che domani mattina, alla stazione Termini di Roma (lato via Marsala) darà ufficialmente inizio a “Pendolaria” 2011: un intero mese di appuntamenti, incontri e manifestazioni nelle stazioni italiane organizzati insieme ai circoli regionali che tra l’altro hanno raccolta dati e informazioni che fotografano la situazione terzomondista del servizio ferroviario italiano. Costretti alle auto “Si profila una stagione di tagli e, inevitabilmente, di stop agli investimenti nei nuovi treni per via delle incertezze – afferma Edoardo Zanchini vicepresidente di Legambiente –. Ben altra attenzione è stata riservata invece, come sempre, agli autotrasportatori e ai cantieri delle grandi opere”. Le indicazioni del governo parlano chiaro: la manovra recupera un miliardo di euro all’anno per l’autotrasporto per rimborsare l’accisa sui carburanti che sarà pagata da tutti gli automobilisti (compresi i pendolari che usano l’auto). Strabici di Tav Per le infrastrutture, il Cipe ha previsto 4, 8 miliardi di investimenti pubblici in grandi opere, come la Tav sulla linea Milano-Genova e Brescia-Treviglio, il Mose, il Tunnel del Brennero, la statale Jonica e altri interventi Anas.

L’unica infrastruttura urbana inserita nell’elenco è la metropolitana di Napoli. Intanto però in Campania (nella sola area di Napoli dove viaggiano 467 mila persone al giorno) vengono eliminate un terzo delle corse, chiuse 22 biglietterie, oltre all’ormai insostenibile affollamento delle banchine di attesa. Così i pendolari tornano a usare l’auto. Zanchini parla di strabismo nel premiare i cantieri delle grandi opere a scapito della mobilità urbana e pendolare che accomuna. “Di certo non c’è stata discontinuità tra i ministri Lunardi, Di Pietro, Matteoli e Passera. L’augurio è che, con una manovra che ci dovrebbe permettere di rimanere in Europa, impariamo dagli altri Paesi a investire nelle città e nella mobilità sostenibile, aiutando così anche le famiglie”. Uniti nella beffa Il disservizio pubblico di Fs ha delle punte di eccellenza. In Puglia (110 mila pendolari al giorno) ad esempio sulla Bari-Barletta, alle stazioni di Giovinazzo e S. Spirito, i controllori devono vietare la salita a nuovi passeggeri.

Nel profondo nord, in Trentino, dal Brennero alla Valsugana è critica la situazione del materiale rotabile utilizzato, ormai vecchio e in pessime condizioni, tanto da portare in alcuni casi alla cancellazione delle corse stesse mentre in Pie-monte spostarsi da Alba a Torino ha corse imposte e senza alternativa: partenza alle 6,55 e rientro da Torino alle 18,45. Marche e Emilia-Romagna sono accomunate dai tagli delle corse mentre la Sicilia, in attesa del fantomatico Ponte, può contare solo su 10 treni che la collegano al continente.

fonte : Il Fatto Quotidiano

Scrivi un Commento

Current ye@r *

Commenti recenti

    Calendario

    febbraio: 2012
    L M M G V S D
    « gen   mar »
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    272829