Oltre l’Unesco

aprile 14th, 2012  |  Pubblicato in Articoli, News

Sì all’Unesco, ma la Porrettana si salva se porta le persone.

Serve collaborazione, rispetto per i pendolari e più treni sulla linea.

Riteniamo che sia utile e doveroso tentare di percorrere anche la strada della candidatura della Ferrovia Porrettana a patrimonio dell’UNESCO, ma che si debba anche e soprattutto lavorare per ciò che è utile nell’immediato, per salvaguardare ciò che è il valore primario della ferrovia, ovvero il numero di persone che quotidianamente la utilizzano. Noi sosteniamo che per difendere e ricostruire questo valore serva che Istituzioni, associazioni, imprese ed utenti (Toscani ed Emiliani), lavorino assieme facendo ognuno la sua parte. Serve concentrare ogni risorsa economica disponibile sui treni, perché gli autobus in questa realtà non offrono un servizio paragonabile, serve metterli nelle fasce orarie più importanti per i pendolari ( 6-9/ 12-15/ 17-20), serve affidabilità del servizio e più cura nell’informazione, soprattutto servono almeno 3-4 corse di treni in piu’.

Tutte cose possibili se ci fosse la vera volontà politica di metterle in atto. Purtroppo però le cose vanno in tutt’altra direzione e dal prossimo 15 aprile le

corse bus sostitutive del treno verranno inserite nel TPL di Pistoia. Ciò che potrebbe sembrare una razionalizzazione di un servizio palesemente inefficace, in realtà cela il fatto gravissimo che i fondi ad oggi utilizzati per i bus sostitutivi, invece di essere rimessi sulla ferrovia, passeranno alla Provincia di Pistoia che li gestirà direttamente impiegandoli solo sul trasporto su gomma.

 A questo punto la canditatura Unesco, come lo spostamento d’orario di un treno di un’ora, a lungo sollecitato da un gruppo di utenti, hanno il sapore di una beffa odi un espediente per guadagnare tempo, perché di fatto, a detta di molti pendolari, il servizio peggiorerà ulteriormente e oggettivamente la possibilità di aumentare le corse dei treni, si allontana. Ancora una volta si dice di voler salvare la Porrettana ma di fatto le azioni la mortificano, addirittura viene ignorata la mozione dei consiglieri Bini/ Venturi, approvata all’unanimità dal Consiglio Regionale, che indica tra l’altro anche di “Realizzare almeno in alcune fasce orarie uno spostamento dalla gomma alla rotaia”. Domenica 15 Aprile alle ore 9.30 nei locali della Misericordia di Pracchia, si terrà un assemblea pubblica, auspichiamo che i rappresentanti delle istituzioni possano fare chiarezza sulla situazione. Contiamo sulla partecipazione di tante persone, è la migliore manifestazione di affetto e di interesse per questa ferrovia.

Samuele Pesce

Legambiente Pistoia


Scrivi un Commento

Current ye@r *

Commenti recenti

    Calendario

    aprile: 2012
    L M M G V S D
    « mar   mag »
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    30